CITTA’ ANTICA, PALAZZO GRADENIGO

CITTA’ ANTICA, PALAZZO GRADENIGO

Descrizione

●Collocazione
L’immobile è localizzato nella Città Antica, all’interno del Sestiere Castello, che è il sestiere più esteso e popolato della città. Pur al di fuori dei flussi turistici, ricade in un’area in cui sono presenti diversi siti storico-monumentali (Arsenale, chiesa di San Giovanni e Paolo, chiesa di San Zaccaria, giardini di Castello che sono sede espositiva della Biennale).
●Dimensioni
Superficie Lorda Coperta: 2,400 metri quadri.
●Illustrazione
Un fabbricato cielo-terra che si sviluppa su sei piani fuori terra (terra, ammezzato, primo, secondo, terzo e soffitta) con un impianto tipico veneziano (salone passante). L’edificio è stato sottoposto a vari interventi di ristrutturazione ed ampliamento ed è anche stato soggetto a lavori di consolidamento delle sottostrutture.
●Vincoli
Immobile è sottoposto a vincolo da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (ex. D.Lgs. 42/2004).
●Status Occupazionale
Il complesso immobiliare risulta libero.
●Status Ambientale
Dato non disponibile.
●Destinazione d'uso secondo Piani vigenti
Unità Edilizia C
(1) A tutti i piani: abitazioni; abitazioni collettive; uffici direzionali; uffici privati; uffici per l'erogazione diretta di servizi; musei; sedi espositive; biblioteche; archivi; attrezzature associative. A condizione che eventuali abitazioni presenti nella medesima unità edilizia abbiano accesso separato: uffici aperti al pubblico; uffici giudiziari; attrezzature per l’istruzione; sale di ritrovo.
(2) Al piano terra: artigianato; esercizi commerciali al minuto; pubblici esercizi.
(3) A tutti i piani, a condizione che almeno uno di questi abbia superficie utile abitabile superiore a 200 mq, ed a condizione che le eventuali abitazioni presenti nella medesima unità edilizia abbiano accesso separato: strutture ricettive alberghiere; strutture ricettive extralberghiere adibite ad uso ricettivo esclusivo;
(4) Sono ammessi, anche in presenza di superfici utili abitabili inferiori a mq. 200, ampliamenti di attività ricettive alberghiere esistenti alla data di adozione della presente variante purché rientrino all’interno della singola unità edilizia.

INFO